La scrivente Confederazione Sindacati Penitenziari (CON.SI.PE.) esprime profonda preoccupazione riguardo gli eventi critici avvenuti nel carcere di Benevento il 19 u.s., che hanno coinvolto membri del personale di Polizia Penitenziaria e detenuti. La protesta ha causato non solo danni materiali ma anche il ferimento di due agenti.

La sequenza di eventi critici riflette una situazione di tensione crescente, aggravata dalla mancanza di personale e dal sovraffollamento. Queste condizioni, come evidenziato dai Dirigenti sindacali campani della scrivente Confederazione, Luigi Castaldo e Tommaso De Lia, richiedono interventi immediati per ripristinare sicurezza e serenità nell’istituto.
È necessario sottolineare la divergenza tra le comunicazioni dei sindacati e quelle della direzione, che contribuisce a un clima di incertezza. Una comunicazione chiara e allineata è essenziale per affrontare efficacemente la situazione e per ristabilire la fiducia nel sistema penitenziario.
Chiediamo con urgenza un’ispezione dettagliata per accertare i fatti, avvalendoci delle registrazioni delle telecamere di sorveglianza, per garantire trasparenza e giustizia.
Desideriamo inoltre esprimere la nostra delusione per l’assenza di iniziative significative da parte del provveditorato della Campania. Nonostante le nostre manifestazioni davanti alla casa circondariale in argomento nei mesi scorsi, le nostre richieste di dialogo e di attenzione alle criticità dell’istituto non sono state ascoltate. Questa mancanza di risposta non fa che aumentare la frustrazione e la sensazione di essere trascurati da chi dovrebbe garantire il benessere e la sicurezza di tutti.
In attesa di un Suo riscontro, auguriamo una pronta guarigione agli agenti feriti e ribadiamo il nostro impegno nel sollecitare misure preventive efficaci.