Giungono segnalazioni da parte del personale in servizio presso gli istituti e servizi penitenziari della Repubblica in ordine ai dinieghi posti in essere da diverse Direzioni alle richieste di congedo straordinario per trasferimento dei Poliziotti Penitenziari.
L’articolo 15 del D.P.R. 395/1995, e le norme ad esso collegate, disciplina la materia in modo chiaro e inequivoco, tanto che nel marzo c.a., nel motivare i provvedimenti di trasferimento dei colleghi trasferiti, la Direzione Generale del Personale e della Formazione chiarisce che “la richiesta potrà essere avanzata nella sede di assegnazione dagli interessati anche in deroga alla circolare 256887/1.1 del 02/12/1996 senza produrre la certificazione citata nella predetta circolare”.

Per quanto sopra esposto ed al fine di evitare che diversi Direttori di Istituti Penitenziari, particolari predisposti per l’interpretazione autentica delle Leggi dello Stato, adottino provvedimenti che sono difformi alle direttive impartite dalla S. V. si chiede di voler valutare positivamente la possibilità di intervenire una volta per tutte rispetto alla questione segnalata, magari invitando le Direzioni a desistere da ricercare interpretazioni forzate e difformi rispetto alle norme che tutelano alcuni istituti contrattuali del personale del Corpo di Polizia Penitenziaria.

Si resta in attesa di cortese riscontro e si porgono distinti saluti